Home Stili di vita Sport Beach volley, Marta e Viktoria per un oro a Rio

Beach volley, Marta e Viktoria per un oro a Rio

785
0
marta-menegatti-viktoria-orsi-toth

Marta Menegatti e Viktoria Orsi Toth sono una delle cinque coppie che rappresenteranno l’Italia nel beach volley femminile ai prossimi Giochi Olimpici di Rio de Janeiro. Una responsabilità senza dubbio grande a cui le due ragazze sembrano però non voler dare eccessiva risonanza.

Marta e Viktoria, il beach volley al femminile

Entrambe provenienti dalla pallavolo, entrambi venticinquenni (sono nate a solo due giorni di distanza, Marta il 16 agosto e Viktoria il 14), hanno, infatti, tutta l’intenzione di lasciare che, a guidarle in questo sogno olimpico, sia soltanto l’entusiasmo legato alla loro giovane età.

Per Marta, in realtà, non sarebbe neanche la prima volta vista la sua partecipazione alle ultime olimpiadi londinesi: lì, a farle da compagna, c’era però Greta Cicolari, successivamente esclusa dal giro della nazionale causa scelte tecniche da parte del Ct Lissandro. A fermare, in quell’occasione, la sua corsa verso il podio la coppia che si aggiudicò poi la medaglia d’oro, la coppia capitanata dalla grande Misty May, vero e proprio idolo della nostra piccola azzurra.

Beach volley, un sogno che può avverarsi

Per Viktoria invece no è tutto nuovo e basta nominarle “Rio” per farle spuntare sul viso il più bello e grande dei sorrisi. Quali le reali speranze? Bè le due ragazze ormai vivono in simbiosi, sia fuori che dentro il campo, dal luglio del 2013 e di soddisfazioni ne hanno comunque già collezionate diverse: due semifinali, entrambe nel 2013, in due grandi Slam, quello di San Paolo e quello di Mosca, una medaglia di bronzo sempre a Mosca ma due anni dopo ed infine, sempre nel 2015, la prima medaglia d’oro in una tappa del World Tour, il circuito internazionale di gare di beach tennis organizzato annualmente dalla Federation Internationale de Volleyball. E c’è anche la consapevolezza di potersi ancora migliorare e di ambire a risultati di gran lunga maggiori. Non solo: anche la voglia di “farsi” da esempio, da traino per un movimento sportivo che ha tutte le carte in regola per crescere tanto di più.

Il Countdown è iniziato e per il loro sogno olimpico non ci rimane che sperare con loro!

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento!
Inserisci qui il tuo nome