Home Scienza e Tecnologia Trovate tartarughe fossili morte durante l’atto sessuale

Trovate tartarughe fossili morte durante l’atto sessuale

1086
0
tartarughe fossili

Il fossile di una coppia di tartarughe, risalenti a 47 milioni di anni fa, è stato scoperto in Germania. La coppia probabilmente è stata trascinata sul fondo dell’acqua durante l’atto sessuale, e questo fu loro fatale. Animali fossili, sono stati trovati nelle posizioni più strane, ma questi sono gli unici trovati dai paleontologi nell’atto di copulare.

Le tartarughe trovate nel sito di Messel in Germania

Sono stati rinvenuti nel sito fossile di Messel, in Germania. Messel, non a caso, nel 1995, fu classificato dall’UNESCO, Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

La “Pompei della Paleontologia” è situata tra Francoforte e Darmstadt

Per trent’anni si è scavato il sito che ha prodotto un totale di 51 esemplari di tartarughe, tra cui 14 raggruppate a coppie. Per due coppie, il team guidato da Walter Joyce, dell’Università di Tübingen, assicura che si tratta sicuramente di un maschio e una femmina.

I soli fossili ritrovati nella posa dell’accoppiamento

In questa specie, infatti, il maschio è più piccolo della femmina. Nella coppia, la cui immagine è riprodotta, le code dei due animali sono allineate nello stesso modo. “Confermiamo che sono morti per accoppiamento e sono noti solo fossili di vertebrati scoperti nell’azione di accoppiamento”, affermano gli autori dello studio. È meno chiaro per altre coppie.

In questa specie, come le altre trovate negli anni che sono ora collegate, il maschio “monta” la femmina per fecondarla. Questa operazione può essere stata la causa della loro caduta verso il fondo, caduta fatale. Secondo Walter Joyce e il suo team, il gran numero di tartarughe intrappolate scoperte nel sito di Messel puo’ essere dovuto ad avvelenamento. I rettili respirano in parte attraverso la pelle, potrebbero essere stati avvelenati da esalazioni tossiche di origine vulcanica o dalla decomposizione della materia organica in acqua.

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento!
Inserisci qui il tuo nome