Home Green Economy Energie rinnovabili Energie rinnovabili: è tempo di sfatare i falsi miti

Energie rinnovabili: è tempo di sfatare i falsi miti

Perché nonostante gli avvertimenti dal mondo scientifico i combustibili fossili rappresentano ancora oltre l’80% dell’energia mondiale? Cosa frena la transizione alle rinnovabili? Alla base di tutto: i pregiudizi culturali sull’energia rinnovabile che inducono a pensare che sia una soluzione sbagliata. Italy For Climate ha deciso di agire proprio sulla disinformazione sulle fonti rinnovabili. Vediamo come.

870
0
falsi miti rinnovabili

In Italia, nonostante una situazione contingente teoricamente favorevole a causa dei prezzi elevati dei combustibili fossili, le energie rinnovabili non decollano: nel 2022 hanno rappresentato poco più del 35% della produzione nazionale, il dato più basso dal 2014 ad oggi. Ma perché, nonostante gli avvertimenti dal mondo scientifico, i combustibili fossili rappresentano ancora oltre l’80% dell’energia mondiale? Cosa frena la transizione alle rinnovabili?  Spesso nel nostro Paese i principali ostacoli sono rappresentati da iter amministrativi troppo lunghi e complessi oppure dal freno operato dalle Sovrintendenze, con alcune Regioni italiane che sono arrivate addirittura a mettere in campo vere e proprie moratorie contro nuovi impianti rinnovabili. Alla base di tutti questi ostacoli ci sono soprattutto dei pregiudizi culturali sull’energia rinnovabile che inducono a pensare che siano in realtà una risposta insufficiente, se non addirittura del tutto sbagliata, alla crisi energetica che stiamo vivendo, legati spesso a una conoscenza sommaria o poco aggiornata dei temi trattati. 

Tra le misure per contrastare la grave crisi climatica mondiale, l’ultimo Rapporto di Valutazione sui Cambiamenti Climatici dell’IPPC mette al primo posto il taglio delle fonti fossili. Secondo gli scienziati dell’IPCC, per evitare un aumento delle temperature oltre 1,5°C risulta fondamentale invertire la rotta e accelerare la transizione verso le energie rinnovabili, che ridurrebbe l’inquinamento atmosferico abbassando al contempo le emissioni di gas serra, rafforzando la resilienza delle comunità agli impatti climatici. 

Ed è proprio da questa consapevolezza che nasce la campagna Falsi Miti sulle energie rinnovabili promossa da Italy For Climate che qualche mese fa ha inaugurato la prima piattaforma in Italia di contrasto alla disinformazione sulle fonti rinnovabili, individuando ed affrontando uno per uno i principali falsi miti su queste tecnologie. La piattaforma individua primariamente 5 falsi miti comunemente diffusi: idee sbagliate, basate su presupposti scorretti o semplicemente informazioni ormai obsolete ma che continuano ad essere diffuse. Per ognuno di questi falsi miti Italy for Climate ha svolto un’attività di ricerca pubblicando sulla piattaforma dati, fonti e offrendo una chiave di lettura per l’analisi delle informazioni semplice e immediata, con vari livelli di approfondimento.

Falsi miti sulle rinnovabili è la prima piattaforma in Italia di contrasto alla disinformazione sulle fonti rinnovabili

La campagna è stata anche al centro del talk tenutosi il 23 marzo al K.EY – The Energy Transition Expo di Rimini, dove Italy for Climate ha dialogato  con giornalisti ed importanti esponenti del mondo imprenditoriale e associativo per approfondire il contenuto e l’impatto e comprendere quali sono le sfide della narrazione della transizione energetica, gli aspetti da attenzionare nel momento in cui si raccontano dati e si offre una loro interpretazione.

Nel 2022 abbiamo vissuto la peggiore crisi energetica degli ultimi cinquant’anni, che ci ha mostrato in modo nitido i rischi insisti in una eccessiva dipendenza dai combustibili fossili. – ha dichiarato Andrea Barbabella Coordinatore Italy For Climate –  Le rinnovabili sono la soluzione di gran lunga migliore sotto tutti i punti di vista – tecnologico, economico e, ovviamente, ambientale – e sono oramai a portata di mano. Con la crisi avrebbero dovuto prendere il volo e invece non è successo (non quanto sarebbe stato necessario). E questo anche perché in molti, in modo più o meno consapevole, a causa di informazioni parziali e pregiudizi continuano a dubitare che possano davvero diventare il pilastro del sistema energetico di un domani oramai prossimo. Nel nostro Paese questi “falsi miti” sembrano essere più diffusi che altrove, come testimonia il dato sulla nuova potenza di eolico e fotovoltaico installata nel 2022: in Italia si è fermata a 3 GW contro i 5 della Francia, i 9 della Spagna e gli 11 della Germania. Per questo dallo scorso anno con Italy for Climate abbiamo lanciato questa campagna e abbiamo lanciato dal palco di Rimini una call to action, affinché chi ne condivide merito e metodo la trasformi nella sua campagna!

Per scoprire quali sono i falsi miti sulle rinnovabili e sapere di più sulla campagna, visitate la piattaforma Falsi Miti sulle Rinnovabili.

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento!
Inserisci qui il tuo nome