Home Scienza e Tecnologia Rischio di infarto: tra le cause lo stress da lavoro

Rischio di infarto: tra le cause lo stress da lavoro

16
0
illustrazione cuore

Uno studio effettuato su duecentomila soggetti, seguiti per venti anni in sette diversi paesi europei, ha dimostrato che lo stress aumenta il rischio d’infarto.

Lo stress aumenta il rischio di infarto

Dei circa centoventimila casi di infarto che si verificano ogni anno in Francia, circa quattromila sono attribuibili a condizioni lavorative: per la prima volta, un ampio studio conferma infatti che le condizioni di lavoro, se particolarmente stressanti, aumentano esponenzialmente il rischio di infarto.

Abbiamo sempre avuto il sospetto che lo stress da lavoro avesse un ruolo fondamentale nei numerosissimi casi di infarto annui registrati, ma la tesi è rimasta controversa a causa della mancanza di dati scientifici su numeri sufficientemente grandi. Marcel Goldberg, ricercatore Inserm

Lo studio, pubblicato su The Lancet, autorevole rivista scientifica britannica, raccoglie informazioni ottenute dallo studio di duecentomila persone in sette diversi paesi europei. Qualunque sia il tipo di lavoro, manuale o intellettuale, l’ambiente professionale, il paese, l’età e il sesso, il risultato è praticamente lo stesso: gli individui esposti a stress hanno un rischio maggiore del 23% di avere un infarto.

Certamente non è facile quantificare lo stress sul lavoro. I ricercatori lo hanno definito come il dovere di affrontare una combinazione di vincoli forti e autonomia ridotta. “Lavori di questo genere sono il miglior esempio di una configurazione molto stressante“, afferma Goldberg, “D’altra parte, il fatto di avere delle responsabilità importanti non è un fattore di stress, a condizione che l’operaio abbia un certo margine di manovra. Il sostegno sociale da parte di superiori o colleghi esercita un effetto protettivo”.

Contro lo stress è necessario rafforzare la prevenzione

Per valutare l’esposizione allo stress, gli scienziati hanno usato il questionario Karasek: quiz progettato da un ricercatore americano che consente di classificare i dipendenti sulla base delle risposte alle affermazioni del tipo “I miei compiti vengono spesso interrotti prima di essere completati”, “Il mio lavoro è molto movimentato e variabile”, “ho ordini in conflitto tra di loro”. Dopo aver analizzato le risposte, il 15,3% dei partecipanti allo studio sono stati classificati come clienti professionali in tensione sul luogo di lavoro. Nel corso del periodo di studio, sono stati registrati 2.358 eventi coronarici.

Gli effetti dello stress sulla salute stanno diventando sempre più importanti. “È ormai accertato che, condizioni di lavoro stressanti possono portare a malattie depressive e disturbi d’ansia muscoloscheletrici”, dice Valerie Langevin, dell’Istituto Nazionale di Ricerca e Sicurezza (INRS).”Lo stress sembra anche coinvolto in disturbi del sonno, cambiamenti di peso e incidenti.”

Mentre lo stress sul posto di lavoro è una realtà sempre più frequente, lo studio della Inserm raccomanda di rafforzare la prevenzione attraverso azioni che potrebbero, secondo i ricercatori, “avere un impatto positivo su altri fattori di rischio quali il fumo e l’alcool, il cui consumo è legato allo stress.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here