Home Scienza e Tecnologia Il Grand Canyon è antico come i dinosauri

Il Grand Canyon è antico come i dinosauri

950
0
grand canyon

Uno studio condotto dalla University of Colorado-Boulder sostiene che il Grand Canyon sia antico, almeno come i dinosauri. I minerali analizzati, prelevati dal fondo del Grand Canyon occidentale, indicano che si è formato circa 70 milioni di anni fa – un periodo in cui i dinosauri erano ancora in vita.

Il Grand Canyon formatosi 60 milioni di anni fa

La nuova ricerca ridefinisce la data universalmente accettata per la formazione del Grand Canyon.  Rebecca Fiori, CU-Boulder Assistant Professor, spiega che il team di ricercatori ha utilizzato un metodo di datazione che sfrutta il decadimento radioattivo degli atomi di uranio e torio, e della presenza di atomi di elio in un minerale di fosfato noto come apatite.

In parole povere,  “le variazioni di temperatura, a livelli poco profondi sotto la superficie della Terra, sono influenzati dalla topografia, e la storia termica registrata dai grani di apatite ha permesso al team di dedurre quanto tempo era passato da quando ci è stato il significativo scavo naturale del Grand Canyon”.

“La nostra ricerca dimostra che il Grand Canyon è stato scolpito direttamente a poche centinaia di metri di profondità, rispetto al livello attuale, non meno di 70 milioni di anni fa”, ha detto Fiori. Un articolo sul tema della Fiori e del Prof. Kenneth Farley del California Institute of Technology è stato pubblicato online sulla rivista Science.

La scienza si interroga ancora

La professoressa Fiori spiega che ci sono delle grandi controversie tra gli scienziati in merito all’età e all’evoluzione del Grand Canyon. Una varietà di dati suggeriscono che il Grand Canyon ha avuto una storia complessa, e il canyon “moderno” non può essere stato scolpito tutto nello stesso momento. Segmenti diversi del canyon si sono evoluti separatamente prima di tradursi in quello che i visitatori vedono oggi.

In uno studio del 2008, Fiori e colleghi hanno dimostrato che parti della sezione orientale del Grand Canyon si sono sviluppate probabilmente circa 55 milioni di anni fa.

Il Grand Canyon si sviluppa per circa 280 miglia di lunghezza, e fino a 18 miglia di larghezza in alcuni punti, ed i suoi ripidissimi lati, in alcuni tratti, raggiungono il miglio di profondita’. Visitato da più di 5 milioni di persone all’anno, l’icona del canyon è stata probabilmente scolpita in gran parte da un corso d’acqua ancestrale del fiume Colorado, che scorreva nella direzione opposta milioni di anni fa, ha detto Fiori.

“Un Grand Canyon più antico ha importanti implicazioni per comprendere l’evoluzione dei paesaggi, la topografia, l’idrologia e la tettonica negli Stati Uniti occidentali e in catene montuose più in generale” ha detto Fiori. Lo studio è stato in parte finanziato dalla National Science Foundation.

I paleontologi ritengono che i dinosauri siano stati spazzati via quando un gigantesco asteroide entro’ in collisione con la Terra, 65 milioni di anni fa, causando enormi nuvole di polvere che, bloccando la penetrazione dei raggi solari, provocarono il raffreddamento del pianeta e l’uccisione della maggior parte delle piante e degli animali dell’epoca.

Raddoppiate le ricerche sull’area

A causa del numero di grandi teorie, date e dibattiti riguardanti l’età del Grand Canyon, i geologi hanno raddoppiato gli sforzi, ha detto Fiori. “C’è stata una ripresa del lavoro su questo problema nel corso degli ultimi anni, perché ora abbiamo alcune nuove tecniche che ci permettono di datare le rocce che non avevamo prima” ha detto.

Mentre la ricerca di incontri per il nuovo studio è stata fatta al Caltech, Fiori di recente ha costituito un suo laboratorio di ricerca alla CU-Boulder con la capacità di condurre l’uranio / torio / elio datazione.

“Se fosse semplice, credo che avremmo risolto il problema molto tempo fa”, ha detto Fiori. “Ma la varietà di informazioni contrastanti ha portato gli scienziati a discutere circa l’età del Grand Canyon per più di 150 anni. Mi aspetto che la nostra interpretazione, che il Grand Canyon si sia formato circa 70 milioni di anni fa, produrrà una discreta quantità di polemiche, e spero che motiverà ancora di più la ricerca per aiutarci a risolvere questo problema, che potrebbe rispondere a molti interrogativi in sospeso. Oltre ad aiutare a colmare qualche punto oscuro dell’evoluzione del nostro pianeta”.

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento!
Inserisci qui il tuo nome