Il progetto del giardino, tra memoria e sguardo al futuro

Pubblicato il 07 settembre, 2018, 9:18 pm

Il progetto del giardino, tra memoria e sguardo al futuro è il tema della nuova edizione di Naturale inclinazione, il ciclo di incontri di fine estate dedicati al pensare e al fare giardino nel mondo contemporaneo, organizzato dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche e curato da Simonetta Zanon.

Un ciclo di tre incontri dedicati al pensare e al fare giardino

Quest’anno sono tre gli appuntamenti in programma: un seminario pubblico sul paesaggista francese Pascal Cribier, che si svolgerà mercoledì 12 settembre alle ore 17; la proiezione del film capolavoro di Jacques Tati, Mio zio/Mon oncle, venerdì 14 settembre alle ore 21; e un incontro pubblico, mercoledì 19 settembre alle ore 18, che, a partire dall’esempio del giardino della Minerva a Salerno, porterà la riflessione sul tema della progettazione del giardino, fra passato e presente.

Il progetto Naturale inclinazione

Il progetto Naturale inclinazione si ispira, fin dalla sua prima edizione, svolta nel 2011, alla figura di Ippolito Pizzetti (1926-2007) e al suo instancabile impegno nella divulgazione della cultura e dell’arte del fare giardini, atto poetico ricco di significati anche sul piano etico e sociale. Il giardino che Pizzetti amava è un luogo accogliente, idealmente aperto anche in presenza di un recinto. È un luogo nel quale possiamo dare soddisfazione al nostro bisogno di natura, bellezza, armonia, misura e dove le tracce del passato possono dare forma alle istanze del presente, indirizzando la creatività del progettista e la cura del giardiniere.

Gli appuntamenti di questa edizione invitano, attraverso situazioni, racconti e linguaggi diversi, a una riflessione sul mondo del giardino basata, appunto, sul rapporto tra passato e presente, e sull’importanza del dialogo continuo tra memoria e creatività, nostalgia e innovazione.

Gli incontri si terranno presso l’Auditorium degli spazi Bomben, Fondazione Benetton, via Cornarotta 7, Treviso.

Per informazioni: potete consultare la locandina online disponibile al link

Lascia un commento

  • (non sarà pubblicato)