Home Sport e Spettacolo “L’angolo del mondo” un romanzo di Mylene Fernández Pintado

“L’angolo del mondo” un romanzo di Mylene Fernández Pintado

1208
0
L'angolo del mondo
Davanti agli occhi l’oceano dell’Avana che risplende; nel cuore il peso di una vita che non decolla. Marian insegna all’Università, ma tiepidamente; i rapporti sporadici con l’ex marito sono bocconi che non nutrono.
È un libro a far scoccare la scintilla: incaricata di scriverne la prefazione, Marian ha incontri tempestosi con Daniel, scrittore vulcanico, seducente e di quindici anni più giovane.
Il fuoco che divampa è travolgente, annulla differenza d’età, dubbi, reputazione, appuntamenti mancati.
Stesi sul pavimento fresco a bere granita dopo aver fatto l’amore, Daniel e Marian sono vicinissimi, eppure tutto un oceano li separa: l’Atlantico che Daniel le propone di attraversare insieme, con il sogno di un mondo migliore. Marian cammina lungo il Malecón, fra il traffico e le onde, su quella terra che sente sua.
Seguire un sogno di superlativi immaginari, un amore sbilenco, o abbracciare la sua Cuba, dissestata eppure splendida di natura e di storia, e trarne la forza per cambiare la realtà presente?
Nello scenario memorabile della grande rivoluzione caraibica, una donna guarda negli occhi i suoi fantasmi e ritrova finalmente se stessa.
“Ho pensato che Daniel appartenesse a uno strano mondo, di guerrieri sbarcati sulla Terra molti anni dopo di me. Persone che si fanno strada non a colpi di pala e piccone ma facendo esplodere la roccia con la dinamite, perché tutto sia più rapido e agevole”.
Mylene Fernández Pintado è nata all’Avana nel 1963. Avvocato di formazione, racconta di aver cominciato a scrivere quando si è trovata a passare molto tempo in casa per accudire il figlio appena nato. Da allora ha pubblicato romanzi e racconti, tradotti in molte lingue, vincitori e finalisti di premi prestigiosi in Europa e negli Stati Uniti, oltre che in America Latina, letti regolarmente alla radio e alla televisione cubane e messicane.
“L’angolo del mondo” è stato tradotto da Laura Mariottini e Alessandro Oricchio edito da Marcos Y Marcos

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento!
Inserisci qui il tuo nome