Home Guide Bombe di semi, una pratica “altamente sovversiva”

Bombe di semi, una pratica “altamente sovversiva”

2935
0
bombe di semi

Le bombe di semi sono un’idea semplice per abbellire tristi spazi verdi e contribuire all’equilibrio della natura. Si trovano già in commercio, particolarmente nei negozi e nei supermercati che vendono biologico, ma sono facilissime da fare in casa e si realizzano con pochi soldi. Regalare le bombe di semi o utilizzarle per se stessi, è un gesto di buon augurio carico di significato: lanciando le bombe di semi si possono abbellire grigi angoli di città e aiutare gli insetti a mantenere in equilibrio i cicli della natura.

Nengo Dango: fertilizzare le terre aride e desertiche di tutto il mondo

Masanobu Fukuoka fu il primo giapponese ad intuire la causa del disequilibrio natura\uomo e cioè il mal riuscito tentativo, da parte dell’essere umano, di manipolare la natura a proprio vantaggio. Egli è considerato il padre della permacoltura e capì che c’è sempre la possibilità di sperimentare un’agricoltura alternativa e che, anche se l’uomo si ingegna per modificare l’equilibrio naturale nel rovinoso tentativo di migliorarlo, esso è l’unico perfetto per l’ecosistema.

Foto di inhabitat.com

La tecnica che Fukuoka inventò, se così si può dire, è basata su un principio semplice, quello del “non fare”, un sistema che si può riassumere in tre fasi: seminare, pacciamare e raccogliere. Egli considerava, a ragione, erbicidi e pesticidi dei veri a propri veleni, non usava nessun tipo di prodotti chimici e nemmeno macchinari agricoli e nella sua fattoria non esisteva nessuna comodità moderna. Questa sua totale armonia con la natura, gli permetteva di sviluppare la sensibilità necessaria a restare in ascolto della voce del pianeta e capire senza fatica il da farsi. Iniziò a sviluppare metodi semplicissimi ma molto efficienti come la pacciamatura, usando la paglia che normalmente gli altri agricoltori bruciavano, la consociazione di piante azoto fissatrici o il Nengo-Dango che consiste nel creare palline di argilla, le cosiddette bombe contenenti semi da spargere sul campo.

Fukuoka era convinto che, sparare bombe di semi di fiori in tutto il mondo era molto più utile che costruire industrie di fertilizzanti. Egli vedeva l’agricoltura come un cammino per raggiungere la saggezza e creò un ecosistema stabile nel quale tutti gli esseri viventi cooperavano in armonia. I microbi e i batteri stanno a contatto con le radici delle piante e fertilizzano il sottosuolo, agli animali più grandi, come gli uccelli, rane e capre pensano invece alla superficie. Un equilibrio perfetto che solo così non viene toccato dalle malattie e dagli insetti che a volte infestavano, e infestano tutt’oggi, i raccolti.

Anche in città, armiamoci di bombe di semi e sosteniamo la natura

Commonstudio

Il primo modello di distributore automatico di bombe di semi dedicato ai guerriglieri verdi, nasce a Los Angeles. Si chiama GreenAid e permette di acquistare le seedbomb, le bombe fatte di argilla, compost e semi, con pochi centesimi.
Il distributore automatico di bombe può essere installato ovunque ed è un mezzo semplice, sostenibile e interattivo, per una campagna di sensibilizzazione pubblica che stimola la partecipazione di ogni cittadino che voglia aiutare la natura a ristabilire il suo equilibrio.
L’idea è di Daniel Phillips e Kim Karlsrud della COMMONStudio, studio di design con un particolare interesse per l’ecologia urbana.

Come fare le bombe di semi. Un procedimento facile facile. 

Cosa serve

  • Argilla secca: potete acquistarla un po’ ovunque, anche on line o se avete a disposizione un terreno particolarmente argilloso, fate asciugare al sole delle zolle e poi rompetele con un martello
  • Terriccio ricco
  • Semi dei fiori che preferite (qualche suggerimento: calendula, quadrifoglio, basilico, melissa, girasole o erba cipollina….)
  • Le proporzioni sono 1 parte semi, 1 parte terriccio e 5 parti di argilla (potete usare un cucchiaio come unità di misura, l’importante è che manteniate la proporzione)

Come si fa

  1. Mettete la quantità che desiderate in una ciotola e iniziate a mescolare con un cucchiaio di legno.
    Quando il composto vi sembra ben amalgamato, aggiungete l’acqua, meglio se con un vaporizzatore (in questo modo riuscirete a dosarne la quantità e a non eccedere).
  2. A piacere aggiungere del colore naturale. Cercate di arrivare a una consistenza tipo quella della plastilina.
  3. Quando il composto inizia a rapprendersi potete anche usare le mani per aiutarvi. Mettete le bombe di argilla su un tagliere come se fosse pasta frolla, stendetela con un mattarello lasciando uno spessore di circa mezzo centimetro e poi tagliate con un coltello, facendo dei rettangoli di circa due centimetri e create delle piccole sfere aiutandovi con le mani.
  4. Lasciatele seccare al sole per qualche giorno.

Il periodo migliore per iniziare la battaglia con le bombe di semi è l’inizio della primavera, preferibilmente la sera. Potreste anche incartare le vostre munizioni per fare un regalo a dir poco originale ai vostri amici!

 

Foto di copertina Etsy.com

 

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento!
Inserisci qui il tuo nome