Home News Presentata la prima mozione per Prato plastic free

Presentata la prima mozione per Prato plastic free

424
1
bicchieri di plastica

Approvata all’unanimità la prima mozione plastic free del Comune di Prato dei Giovani Democratici Prato, scritta in collaborazione con Fridays For Future Prato, Legambiente Prato, Riciclidea, Arci Prato e Più Europa Prato.

Prima mozione Prato Plastic Free

La mozione impegna il Comune di Prato a una serie di atti concreti per eliminare la plastica monouso laddove non è necessaria, a partire dagli stessi spazi di competenza del Comune, nei quali bisognerà abbandonare l’utilizzo di bottiglie e plastiche monouso. È inoltre prevista la distribuzione di borracce in materiale ecocompatibile – tendenzialmente alluminio – nelle scuole elementari e medie, nella biblioteca Lazzerini e nelle decentrate, e l’obbligatorietà nei futuri bandi a non utilizzare materiale plastico monouso. Nella mozione sono previsti anche sistemi di premialità per tutti gli eventi pubblici patrocinati dal Comune nei quali non verranno distribuiti materiali plastici monouso e per coloro che si impegneranno in una corretta raccolta differenziata. Tuttavia, per il momento, non sono previste sanzioni qualora non si seguissero i punti della mozione che, sottolinea il leader dei Giovani Democratici Prato Marco Biagioni: “è solo la prima di una lunga serie di mozioni che riguarderanno anche i consumatori, le aziende e le nuove politiche economiche”.

Prato dice no alla plastica usa e getta

Personalmente, in quanto coordinatore di Fridays For Future Prato, ho portato l’attenzione su un punto fondamentale: non bisogna portare avanti una guerra alla plastica, ma una battaglia contro l’usa e getta, frutto di un consumismo sfrenato che ormai è parte integrante del nostro stile di vita. Pertanto non è sufficiente sostituire le posate in plastica usa e getta con posate biodegradabili usa e getta: è necessario innanzitutto ridurre la produzione di rifiuti, il consumo di energia, le emissioni. Riduzione è la parola chiave, ovvero cambiare le nostre abitudini: anziché fare la festa della birra con bicchieri biodegradabili, perché non farla con bicchieri in plastica rigida? Riutilizzabili all’infinito e del tutto innoqui per la sicurezza e l’ordine pubblico: insomma, non è un potenziale corpo contundente come il vetro.

In definitiva ottima iniziativa, e ancor meglio il fatto che in Consiglio Comunale sia stata votata all’unanimità, dimostrando che la questione ambientale sta suscitando l’interesse di tutti, a prescindere dal colore politico. Finalmente, ora che le elezioni sono passate, alcune realtà italiane come Prato stanno mettendo da parte le parole e iniziano a concretizzare.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here