Home News Home Farm, la casa di riposo è una fattoria

Home Farm, la casa di riposo è una fattoria

644
0
Home Farm

Si chiama Home Farm ed è una casa di riposo pensata come una fattoria urbana, dove gli anziani vivono nella natura e producono cibo biologico. L’idea, presentata della società di architettura Sparck, è stata presentata al World Architecture Festival.

Home Farm, la casa di riposo diventa fattoria

Il progetto della società Sparcks, ha vinto il Festival Mondiale di Architettura tenutosi a Singapore.

Home Farm è un progetto davvero innovativo dedicato agli ospiti delle case di riposo che concilia la creazione di nuovi spazi verdi sul suolo urbano e sfrutta la natura terapeutica dell’agricoltura; il suo scopo è anche quello di arricchire la vita quotidiana degli anziani che potrebbero svolgere attività all’aria aperta e accrescere (e migliorare) il loro stare insieme.
Il progetto è stato immaginato per la città di Singapore (considerando l’aumento delle persone in età pensionabile e la difficoltà a produrre ortaggi che non siano d’importazione), per consentire una politica di sostenibilità a sicuro vantaggio della collettività ma soprattutto degli anziani stessi che potrebbero produrre cibo biologico da consumare all’interno della casa di riposo.Home Farm progetto

Il valore economico del progetto è senz’altro importante, ma ancor più importante è il suo valore sociale. L’attività all’aperto stimola il senso di appartenenza alla comunità tra i membri della struttura, favorendo il lavoro di gruppo per organizzare ritmi di lavoro adatti ad ogni esigenza. Ancor più importante la salute, con la possibilità di poter consumare ortaggi coltivati in maniera biologica, valore aggiunto nelle vite degli ospiti della casa di riposo.

Home Farm: il progetto

Il progetto architettonico prevede l’installazione di muri vegetali, l’arricchimento delle pareti curvilinee degli edifici con arbusti, fioriere e vegetazione a cascata e, naturalmente, un orto condiviso. Il tetto-giardino sarà un’area ricreativa ed è prevista anche la possibilità di vendere i prodotti in esubero in un mercato ortofrutticolo, i cui ricavi serviranno per le spese gestionali della struttura. Gli appartamenti saranno integrati con una serie di altre strutture pubbliche, tra cui una clinica, un asilo nido e uno spaccio aziendale.

 

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento!
Inserisci qui il tuo nome