Home News Grace Brett, street art a centoquattro anni con l’uncinetto

Grace Brett, street art a centoquattro anni con l’uncinetto

1207
0
Grace Brett

E chi lo dice che per essere artisti di strada bisogna per forza essere giovani e usare solo bombolette colorate? Vi presentiamo allora Grace Brett, nonnina di “appena” 104 anni, londinese di nascita ma scozzese di adozione, da sempre appassionata di lane e uncinetti.

Grace Brett, a centoqattro anni street art con l’uncinetto

A lei va, infatti, l’indiscusso riconoscimento di street artist più anziana del mondo visto che ha, di recente, deciso, in occasione del “Yarrow, Ettrick e Selkirk Arts Festival”, di contribuire al progetto dei Stormer Souter, gruppo di creativi dello Yarn Bombing, la nuova stravagante forma di arte urbana che fa dei fili di lana lavorati a mano le proprie bombolette spray.

Grace Brett contrasta il grigiore delle città

Contribuendo in che modo? Aiutando a “rivitalizzare” ogni singolo angolo della propria città tappezzando panchine, muri, cabine telefoniche, statue, corrimano e quant’altro, con decine e decine di opere realizzate a maglia. Con un solo e unico scopo. Quello di arrivare a contrastare in modo assolutamente ecologico, e soprattutto colorato, il grigiore urbanistico del piccolo centro scozzese: “Ho pensato che fosse una buona idea decorare la città e poi mi diverte sempre lavorare a maglia. L’ho fatto per quasi tutta la mia vita. E poi non nascondo che sia anche piuttosto divertente essere chiamati artista di strada. Vedere finalmente le mie opere in mostra dopo tanti anni di duro lavoro e passione è stata la giusta ricompensa”.

Grace Brett, una donna che non si arrende

E le piace ricordarsi anche di quel nonno australiano, poco più grande di lei, di 109 anni (Alfred Date), che realizza invece maglioncini di lana per i pinguini feriti. Chissà, magari insieme potrebbero provare a dare nuove sfumature al mondo. Insomma Grace ad arrendersi non ci pensa proprio per niente neanche ora che la maggior parte del suo tempo la passa in una casa di riposo. E in fondo perché dovrebbe..l’arte, quando è vita, non conosce età.

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento!
Inserisci qui il tuo nome