Home Stili di vita Cucinare Pasta e fagioli, la ricetta della Valle di Comino

Pasta e fagioli, la ricetta della Valle di Comino

189
0
san-donato-val-di-comino

Chiamata anche Pappafuocchie c’gli fesciur” o “gnuocc e fasciuor”, questa straordinaria pasta e fagioli, unica nel suo genere, è possibile assaggiarla nella Valle di Comino. Piatti meravigliosi come questo, dal gusto autentico e tradizionale, potrete degustarli anche voi seguendo la ricetta che ci è stata “svelata” dalla signora Silvana dell’Agriturismo Pietracquara a San Donato Val Comino.

La pasta e fagioli della Valle di Comino

Ingredienti per quattro persone

Per la pasta:

  • 400 gr di farina di grano duro
  • 200 ml di acqua tiepida
  • 1 pizzico di sale

Per la minestra

  • 500 gr di fagioli freschi ancora nei baccelli
  • 500 gr di passata di pomodoro
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 cipolla
  • 1 costina di sedano
  • 2 foglie di basilico
  • sale e pepe q.b.
  • olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaio di lardo (per la versione tradizionale)
  • Parmigiano o pecorino a piacere

Procedimento

  • Impastate acqua, farina e un pizzico di sale. Dopo averla lavorata, lasciatela riposare per mezz’ora in una ciotola coperta oppure in una bustina di plastica.
  • Tirate la sfoglia mantenendo uno spessore di circa tre millimetri.
  • Tagliate la sfoglia in due mezzelune, arrotolatele e tagliatele in maniera irregolare in modo da ottenere una pasta corta e maltagliata.
  • Sgranate i fagioli freschi, borlotti o cannellini.
  • Lessate i fagioli con abbondante acqua salata, sedano e cipolla.
  • In una padella preparate un soffritto di aglio, cipolla e sedano.
  • Aggiungete la passata di pomodoro al soffritto e lasciate cuocere per circa quindici minuti (l’antica ricetta utilizza il lardo per il soffritto invece dell’olio).
  • In una pentola portate ad ebollizione dell’acqua, aggiustate di sale e cuocete la pasta.
  • Appena i maltagliati inizieranno a salire in superficie versate e conservate tre quarti di acqua di cottura in una ciotola.
  • Nella stessa pentola unite, al quarto di acqua di cottura restante e alla pasta, i fagioli scolati e il sugo cotto. Amalgamate bene aggiungendo un po’ di acqua di cottura a piacere, nel caso vogliate una minestra più liquida.
  • Servite in un piatto fondo con abbondante pecorino (o parmigiano) e del peperoncino a piacere.

Un’altra minestra di tradizione ciociara è: minestra di ceci alla ciociara

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here