Arpa, Corepla e Regione Lazio: un protocollo d’intesa per la tutela del mare

Pubblicato il 09 luglio, 2018, 7:11 am

Regione Lazio, ARPA – Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale e COREPLA firmano un importante Protocollo d’intesa per monitorare e ridurre il fenomeno del marine litter (termine con il quale si fa riferimento all’emergenza rifiuti del Mar Tirreno).

Il Protocollo è stato sottoscritto da Nicola Zingaretti Presidente della Regione Lazio, Antonello Ciotti Presidente di COREPLA e Marco Lupo Direttore generale ARPA Lazio per avviare interventi sperimentali nei porti e attività di sensibilizzazione nelle scuole.
Nella Sala Aniene della Giunta Regionale era presente anche Massimiliano Valeriani, Assessore regionale al Ciclo dei Rifiuti.

Porti, comuni costieri e scuole gli ambiti di attuazione del protocollo

Tre saranno i principali ambiti di attuazione del Protocollo: i porti, in primo luogo.
Nei prossimi giorni COREPLA, Regione e ARPA, infatti, lavoreranno insieme alle Autorità del sistema portuale, alle Capitanerie di Porto, alle associazioni dei pescatori e ai Comuni coinvolti per gestire, verificare, analizzare e misurare le quantità e le tipologie dei rifiuti provenienti dalle imbarcazioni e scaricati in uno o più porti della regione: un’attività sperimentale di analisi permetterà di valutarne l’effettiva riciclabilità.
Nell’ambito dei Comuni costieri e a servizio delle Amministrazioni comunali che avvieranno nuovi servizi di raccolta, il Protocollo di intesa prevede la pianificazione di iniziative di comunicazione territoriale, per stimolare comportamenti virtuosi negli amministratori e nei cittadini.
Infine, le scuole: nel corso dell’anno scolastico 2018/2019, COREPLA e Regione Lazio metteranno a punto campagne di educazione ambientale a partire dalla distribuzione alle scuole primarie laziali del kit didattico “RICICLALA! Il gioco della raccolta e del riciclo della plastica”.
Il protocollo, di durata annuale, permetterà ai soggetti coinvolti di confrontarsi e condividere dati sulla raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggi in plastica, con particolare attenzione alla quantità e alla qualità.

Lascia un commento

  • (non sarà pubblicato)