IN EVIDENZA
NATURA

Chi ha letto il mio libro sulle Aloe sa che il genere raggruppa specie che (da adulte) vanno da pochi centimetri a oltre 20 metri di altezza. Sicuramente la specie più grande tra le Aloe è l’Aloe barberae, quella che oggi è chiamata Aloidendron barberae. Negli anni Trenta del secolo scorso il massimo esperto di Aloe, Gilbert…

GREEN ECONOMY

L’Agenda 2030 è stata approvata e sottoscritta il 25 settembre 2015 a New York. I Paesi firmatari sono ben 193, tutti facenti parte dell’Onu. Di cosa si tratta esattamente?

L’Agenda 2030 e i suoi obiettivi

L’Agenda 2030 è stata sottoscritta nel 2015, ma il suo avvio ufficiale è avvenuto nel corso del 2016. Si tratta di un programma d’azione…

GREENTOPIC

La movimentazione di merci che riguardano i supermercati ha da sempre avuto un peso in tema di impatto ambientale. Per questo motivo il marchio CONAD, insieme a CHEP (leader mondiale di soluzioni di pallet pooling) e PEFC Italia,…

ECO GENIOUS

Trovare un deodorante senza alluminio non è semplice. L’alluminio è un componente contestato di questi prodotti, per la sua pericolosità, e potremmo evitarlo in maniera semplice. Vediamo come fare.

Cos’è la sudorazione

Iniziamo a capire…

SGUARDI

Thilafushi, la discarica di Malè, si trova nelle Maldive, ovvero una delle mete turistiche più gettonate al mondo. Il mare turchese e le spiagge bianche attirano circa un milione di turisti ogni anno. Ma queste acque sono davvero così limpide e incontaminate?

Thilafushi, un atollo di 7 chilometri di rifiuti 

Esattamente a 7 chilometri dalla capitale, è stata creata una discarica artificiale dove vengono portati i rifiuti che vengono prodotti dai turisti che visitano queste isole dell’Oceano Indiano. Si tratta della più grande isola di plastica al mondo: un atollo di circa 7 chilometri dove ogni giorno vengono bruciati rifiuti a cielo aperto, 24 ore su 24.

La discarica Thilafushi è stata creata intorno agli anni ’90, quando il boom di visitatori ed il conseguente incremento del consumo di plastica, ha portato l’isola a dover gestire troppi rifiuti.

Il Governo fece scavare dei profondi pozzi nella sabbia dove gettare i rifiuti per poi ricoprirli la stessa sabbia. Così fino a riempirli: strati alternati di spazzatura e sabbia.

Inizialmente, venivano portati esclusivamente i rifiuti prodotti all’interno degli alberghi di lusso; in un secondo momento a questi sono andati aggiungendosi  anche i rifiuti degli abitanti di Malè e di tutti gli altri alberghi dell’arcipelago.

Ogni turista produce intorno ai 3,5 km di immondizia al giorno, ovvero circa il doppio di quanti ne produce un autoctono.

Ogni giorno 400 tonnellate di spazzatura vengono raccolte e portate a…

CULTURA E SPETTACOLO
La settimana scorsa ho avuto occasione di conoscere il presidente dell’Unione Forestali d’Italia, il dottor Filippo Aldini, che mi ha regalato un suo interessante lavoro sulla “Lex Luci Spoletina”: una ricerca su quella che ormai tutti gli studiosi considerano la.....
Zambianchi / Giu 24

Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.   SOSTIENICI

Le autorità della città costiera di Zara (Croazia), hanno commissionato all’architetto Nikola Bašić, un’istallazione artistica che potesse mettere in risalto la lunga storia dell’antichissima città: grazie alla sua abilità e sensibilità è nato a Zara il lungomare che suona grazie all’aiuto delle onde del mare.

Zara, il lungomare che suona

Molto probabilmente l’esigenza di creare qualcosa di unico che potesse rendere Zara ancor più popolare nel mondo nasce da molto lontano, forse anche dalle ferite che la città ha riportato durante la seconda guerra mondiale. Una grande parte dei punti di riferimento della città infatti, sono andati distrutti e sono poi stati ricostruiti in forma meno spettacolare.

Il Comune di Zara si è rivolto a Nikola Bašić per creare qualcosa di unico che risaltasse tra le bellezze di una costa già di per se meravigliosa e l’architetto ha pensato di includere il mare Adriatico nel suo progetto per il Sea Organ Zadar (o “Morske orgulje” in croato).

L’organo del lungomare è un’installazione che produce musica alimentata dalle onde del mare stesso Guarda e ascolta come:

Il progetto è stato ispirato dall’antichissimo Continua a leggere ...

VIAGGIARE
A Zara in Croazia, il lungomare che suona
Greenious
Le autorità della città costiera di Zara (Croazia), hanno commissionato all’architetto Nikola Bašić, un’istallazione artistica che potesse mettere in risalto la lunga storia dell’antichissima città: grazie alla sua abilità e
In viaggio con un kit di pronto soccorso pieno di… oli essenziali
Greenious
Gli oli essenziali, tesori della natura nonché rimedi potentissimi e piacevoli, posso accompagnarci in viaggio come profumato kit di pronto soccorso. In caso di piccoli disagi, come un raffreddore o
Le piramidi di Kosrae risalgono al Medioevo
Greenious
In una remota isola del Pacifico chiamata Kosrae, posta fra Pohnpei e le Isole Marshall in Micronesia, sono state ritrovate antichissime piramidi costruite con corallo. I nuovi studi hanno rivelato
Il turismo sostenibile in difesa delle culture
Greenious
“Turismo sostenibile” è il termine che individua il tipo di turismo possibile per non danneggiare il paesaggio e l’ambiente, ma neppure le realtà sociali. In molte nazioni, non particolarmente ricche
The Petrifying Well: gli oggetti diventano pietra
Greenious
The Petrifying Well è senza dubbio un luogo incantato, un luogo dove, nel corso degli anni, milioni di persone sono passate per vedere con i propri occhi il suo incredibile potere:
FOCUS

L’immigrazione al tempo dei romani, la prima moneta con la scritta Italia

Nell’articolo in cui ho presentato la “Lex Luci Spoletina” ho raccontato come ho conosciuto il dottor Filippo Aldini (il presidente dell’Unione Forestali d’Italia), che mi
Luciano Zambianchi on Focus / 17, Lug / 0

Gli antichi e i moderni orologi erotici

Sono definiti orologi erotici quelli che sul quadrante, sul fondello o all’interno dell’orologio stesso riportano immagini o meccanismi che mostrano o mimano scene erotiche. Sono
Luciano Zambianchi on Focus / 28, Giu / 0

Cannabis Light, il Consiglio Superiore della Sanità ne sconsiglia l’utilizzo

Mentre anche il Canada, primo dei paesi del G7, decide per la legalizzazione della Cannabis ad uso ricreativo, in Italia il Consiglio superiore di Sanità esprime
Redazione Greenious on Focus / 21, Giu / 0
SPORT
Esercizio fisico al mattino per dimagrire
Proteine biologiche: anche il fitness diventa organic
Willy Mairesse, una vita per i motori
Alessandra Averna e il Golf, una cura contro la sclerosi
Giacomo Maritati, tutto lavoro e sport (estremo)
La Via Francigena: la “nuova frontiera” dei pellegrini
Extreme Ironing: stirare è ormai uno sport
< >